Enjoy the silence

Sorgente: Enjoy the silence

Annunci

Semplicementemusica.it

Segnalo un sito dedicato alla didattica musicale in tutte le sue forme: http://www.semplicementemusica.it E' curato dal musicista e didatta marchigiano Stefano Rocchetti. Al suo interno possiamo trovare laboratori, attività, materiali e pubblicazioni relativi alla lunga militanza di Rocchetti in qualità di insegnante sia nei licei musicali che nella scuola del primo ciclo. Un sito dall'impostazione … Leggi tutto Semplicementemusica.it

La didattica per competenze nella pratica dell’ascolto musicale

Pubblico l'introduzione da un mio libro in corso di pubblicazione. Spero che l'argomento possa interessare gli educatori ed i colleghi musicisti. La didattica per competenze e la loro valutazione rappresentano un argomento di particolare attualità nel mondo della scuola italiana nonostante sia già trascorso più di un decennio dalla loro comparsa nelle “Indicazioni nazionali per il … Leggi tutto La didattica per competenze nella pratica dell’ascolto musicale

La musica “audiotattile” sbarca al MIUR

Il nuovo D.M. 9.08.2017, n. 611 aggiunge una nuova area operativa al campo d'azione dei Conservatori e dei Licei Musicali intitolato “Discipline interpretative del pop rock, delle musiche improvvisate e audiotattili”  e comprendente alcuni nuovi settori artistico disciplinari: COMP/01 “Basso elettrico Pop Rock”; COMP/02 “Chitarra Pop Rock”; COMP/03 “Pianoforte e tastiere elettroniche Pop Rock”; COMP/4 … Leggi tutto La musica “audiotattile” sbarca al MIUR

Carlo Delfrati: Storia critica dell’insegnamento della musica in Italia

Carlo Delfrati: Storia critica dell'insegnamento della musica in Italia. Un viaggio in due secoli di educazione musicale in Italia, fra luci (poche) ed ombre e nefandezze (molte) che ci permette di comprendere perché in Italia, patria del Bel Canto e di  di illustri musicisti, la musica sia ancora una disciplina scolastica misconosciuta e incompresa. Una … Leggi tutto Carlo Delfrati: Storia critica dell’insegnamento della musica in Italia

Alphonsine, Marie, Margherita, Violetta, dalla miseria all’immortalità

Segnalo il bell'articolo di Chiara Giacobelli, pubblicato sull'Huffington Post edizione italiana, intitolato Marie Duplessis, la donna che ispirò La dama delle camelie e La Traviata, in cui racconta l'incredibile storia di Marie Duplessis, al secolo Rose Alphonsine Plessis, la giovane parigina la cui vita ispirò La dama delle Camelie di Alexandre Dumas figlio e La Traviata di Giuseppe Verdi, due capolavori … Leggi tutto Alphonsine, Marie, Margherita, Violetta, dalla miseria all’immortalità

L’effetto Mozart

Segnalo il saggio "L'effetto Mozart", pubblicato nel sito http://www.amadeux.net e dedicato agli studi del medico otorinolaringoiatra francese Alfred A. Tomatis (1920-2001), creatore dell'audiopsicofonologia. Ne riporto l'incipit: "Sappiamo che la musica aiuta a strutturare il pensiero ed il lavoro delle persone nell’apprendimento delle abilità linguistiche, matematiche e spaziali; soprattutto l’intelligenza musicale influisce sullo sviluppo emotivo, spirituale e … Leggi tutto L’effetto Mozart

Internet e social. Sul web i giovani non distinguono le news vere da quelle false – Orizzonte Scuola

giovani_internet

Lim e dintorni

La maggior parte dei teenager non è in grado di distinguere una notizia vera da una falsa sui social, e tende a credere anche a quelle postate da inserzionisti pubblicitari.

Sorgente: Internet e social. Sul web i giovani non distinguono le news vere da quelle false – Orizzonte Scuola

View original post

Lo schema della forma-sonata

Per quanto possa sembrare complesso, lo schema della forma-sonata (utilizzato dai compositori nella seconda metà del '700 e in quasi tutto l'800, sia pur con notevoli variazioni) è molto simile a quello di una semplice relazione come quelle che spesso dobbiamo compilare a scuola. Questo perché la mente umana ragiona sempre seguendo i propri schemi … Leggi tutto Lo schema della forma-sonata

La musica classica fa “danzare” il Dna del cervello – La Stampa

Accende geni legati alla memoria e al benessere mentre spegne quelli associati alle malattie neurodegenerative Sorgente: La musica classica fa “danzare” il Dna del cervello - La Stampa